Generic selectors
Corrispondenza esatta
Cerca nei titoli
Cerca nei contenuti
Cerca nei post
Cerca nelle pagine
testimonial
Filtra per categoria
Cani & gatti
Marketing & Comunicazione
Mercato
Negozio del mese
Notizie
Personaggio
Pesci & co
Piccoli mammiferi
Rettili & anfibi
Uccelli
Tag

mondo pet

Browsing

Due keyword di moda: piccolo e aperto

Il mondo gira sempre più veloce e un costante processo di miniaturizzazione ha coinvolto vari aspetti della nostra vita, anche se non sempre ce ne rendiamo conto. Oggi i telefoni cellulari sono leggermente più grandi di quanto non fossero un decennio addietro, ma al loro interno è presente un sistema miniaturizzato che supera le potenzialità dei computer da tavolo dello stesso periodo! 

Il treibball (treib significa “motore, propulsione” e ball “palla”) o, come preferiscono gli americani, ball herding, è una nuova attività sportiva (la prima partita competitiva risale al 2007) che è nata in Germania grazie all’olandese Jan Nijboer ma che sta raccogliendo un numero crescente di appassionati in tutto il mondo. In Italia la conosciamo grazie a Tathiana Beltrami, membro dell’American Treibball Association, che nel 2012 ha fondato l’associazione Treibball Italia. 

Chiunque possieda un cane, o perlomeno la stragrande maggioranza dei proprietari attenti e informati, conosce la leishmaniosi e giustamente la teme, ricorrendo pertanto a strategie preventive, su consiglio del veterinario che includono trattamenti antiparassitari, molto spesso la vaccinazione, ma anche il controllo ambientale degli insetti ematofagi in generale e dei flebotomi in particolare. 

Le penne degli uccelli forniscono calore agli animali aumentando il grado di isolamento termico (così come il pelo per i mammiferi o l’indumento per l’uomo). Inoltre possono dare spinta e sostegno (portanza) che consentono il volo. Sono strutture molto antiche, già presenti in molte specie di dinosauri (ne sono state ritrovate tracce fossili), compreso forse il noto tirannosauro (Tyrranosaurus rex). Le più recenti scoperte hanno infatti rivelato che questo antico rettile aveva sì il corpo coperto di squame, ma che i suoi progenitori possedevano certamente un piumaggio che probabilmente il T. rex ha perso nel corso dell’evoluzione, come grossi mammiferi quali l’elefante e l’ippopotamo. Forse erano rimaste solo poche penne sul dorso, ma questa teoria non è ancora certa.