Generic selectors
Corrispondenza esatta
Cerca nei titoli
Cerca nei contenuti
Cerca nei post
Cerca nelle pagine
testimonial
Filtra per categoria
Cani & gatti
Marketing & Comunicazione
Mercato
Negozio del mese
Notizie
Personaggio
Pesci & co
Piccoli mammiferi
Rettili & anfibi
Uccelli
Tag

cani e gatti

Browsing

Ogni volta che scompare una persona e si cominciano le ricerche, i media parlano dell’impiego di cani molecolari. Il termine “molecolare” di per sé non ha un fondamento scientifico, perché tutti i cani da ricerca seguono una singola molecola olfattiva: la stampa ha solo semplificato la cosa definendo questi soggetti come cani molecolari, definizione diventata poi di uso comune.

In realtà questi animali sono impiegati nel mantrailing (man: uomo; trail: pista, traccia, sentiero), attività che consente di individuare e seguire il percorso effettuato da una persona con l’impiego di un cane opportunamente addestrato. Questa disciplina è nata negli Stati Uniti per la ricerca di evasi e persone scomparse e la razza più impiegata in questa attività è senza dubbio il bloodhound, segugio di grossa taglia di origine belga.

Il bloodhound,

Il bloodhound – o cane di Sant’Uberto (chien de Saint-Hubert) – è stato allevato in tempi antichi dai monaci dell’omonimo convento nelle Ardenne, selezionato per il fiuto straordinario, la forza e la resistenza che lo rendevano un soggetto estremamente utile all’uomo per la caccia alla grossa selvaggina, in particolare il cervo.

cani molecolari

Anche se sulle sue doti innate di seguire la traccia di un animale ferito (da cui il nome bloodhound, cioè “cane da sangue”) non si discute, il suo impiego in campo venatorio è stato di fatto limitato dalla sua imponenza e il suo eccezionale fiuto è stato “dirottato” nella ricerca di persone disperse.

Il bloodhound è un cane fondamentalmente mite, anche se testardo come tutti i segugi, si affeziona molto al padrone ed è in grado di affrontare con tranquillità qualsiasi nuova esperienza come ad esempio il trasporto in elicottero. A differenza di altre razze che lavorano libere questo cane lavora sempre al guinzaglio, quindi occorre essere adeguatamente allenati e agili per poterlo affiancare e stare al suo passo su qualunque terreno, come pietraie o pendii particolarmente scoscesi. Si tratta di un cane dalla resistenza eccezionale, tanto che può pistare per 4-5 ore e per più di 7 chilometri con dislivelli anche di 1.200 metri.

Un’altra differenza che distingue il classico cane da ricerca dal cane molecolare è che il primo è addestrato a fiutare la presenza di persone che si possono trovare sepolte sotto le macerie o la neve, in caso di calamità come terremoti o valanghe, mentre il secondo ricerca esclusivamente una persona, quella di cui ha fiutato l’odore.

cani molecolari

Addestramento e lavoro

L’addestramento di un cane da mantrailing dura circa un anno e mezzo, al termine del quale viene conseguito il 1° brevetto (altri due brevetti sono specifici per il lavoro di polizia).  La formazione di questi soggetti, le attività addestrative e le prove valutative sono seguite da Istruttori svizzeri della NBAS (National Bloodhound Association of Switzerland) coadiuvati da istruttori americani provenienti dalla Virginia.

Il sistema delle campionature ricorda molto i metodi della Polizia Scientifica, viene cioè individuato l’oggetto meno “inquinato” della persona dispersa (che può essere una spazzola, un pettine o mozziconi di sigaretta, per esempio) oppure la traccia lasciata all’interno di un luogo chiuso, come un veicolo. Il cane da mantrailing fiuta l’odore ed è in grado di seguire la traccia, anche se vecchia di qualche giorno, persino in luoghi affollati e contesti urbani, fermo restando che avverse condizioni ambientali possono influenzare la qualità e la durata della traccia.

Il bloodhound lavora su una molecola specifica, riesce a immagazzinarne l’odore nella sua mente e segue solo quello senza farsi distrarre da altro.

Dal 2010 il cane da pista è impiegato anche nel soccorso alpino. Il suo impiego si è reso necessario visto l’aumento di un particolare tipo di turismo ed escursionismo (ad esempio i cercatori di funghi) e per il numero di richieste di interventi, il che ha comportato la necessità di formare cani che puntassero la loro ricerca su una zona precisa e circoscritta.

Il CNSAS (Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico) con le sue Unità Cinofile da Ricerca Molecolare (UCRM) è stato il primo a lavorare con i bloodhound, per la maggior parte provenienti da allevamenti di cani da lavoro che utilizzano linee di sangue da anni impiegate in Polizia.

cani molecolari

Anche l’Arma dei Carabinieri si avvale dell’uso dei bloodhound che sono in forza all’Unità Molecolare della sezione speciale cinofili dell’Arma con sede a Firenze, pronti a entrare in azione con i propri conduttori laddove si renda necessario il loro intervento (autore: di Lorena Quarta)

INDIRIZZI UTILI

CNSAS (Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico): www.cnsas.it

CSEN cinofilia: www.csencinofilia.it

Ecco la prima linea di shampoo con il 97% di ingredienti naturali approvati da EcoBioControl.

“La nostra missione è garantire che l’amore ricevuto dai nostri amici a quattro zampe venga ricambiato nel migliore dei modi”: è con questo approccio che gli shampoo ARYA si presentano sul mercato. L’azienda raggiunge il suo obiettivo ideando prodotti pensati alle specifiche esigenze di ciascuna tipologia di animale con una costante attenzione alla sicurezza del prodotto, il tutto nel rispetto dell’ambiente che ci circonda.

La linea di shampoo ARYA è stata pensata proprio con questa filosofia, allo scopo di offrire innovativi prodotti di qualità non ancora presenti sul mercato, per tutti quei consumatori che vogliono dedicare ai loro amici a quattro zampe le stesse attenzioni che dedicano ai propri cari.

Per ogni esigenza di pelo

La linea di shampoo ARYA si compone di cinque diverse referenze, in un comodo formato da 250 ml, ciascuna con una differente applicazione a seconda del tipo di manto del cane:

  • Shampoo Pelo Lungo – con olio di jojoba biologico e pantenolo che contribuiscono a garantire un’azione districante, rendendo il pelo facilmente pettinabile ed esaltandone la morbidezza;
  • Shampoo Pelo Corto – con olio di avocado e aloe biologici, piante dagli innumerevoli effetti benefici, che contribuiscono a idratare la cute, rigenerandola;
  • Shampoo Manto Bianco – con estratto biologico di salvia ed estratto di fiori di cotone. La salvia è nota per le sue proprietà di sbiancante naturale, che contribuiscono a far riacquistare al manto il proprio colore originale donando lucentezza;
  • Shampoo Manto Scuro – con estratto di mallo di noce, utilizzato già dai Persiani per tingere i loro pregiati tessuti, ed estratto di melograno biologico, che contribuisce a ravvivare i riflessi scuri del manto e a donare lucentezza;
  • Shampoo Cuccioli – con olio biologico di mandorla ed estratto biologico di avena, che contribuiscono a fornire nutrimento e a detergere delicatamente la cute sensibile del cucciolo.

Il 97% di ingredienti naturali

Questi shampoo sono tutti realizzati con l’utilizzo del 97% di ingredienti naturali, in grado di garantire una pulizia efficace del manto nel pieno rispetto della cute canina. Si tratta della percentuale più alta presente ad oggi nel settore in Italia, a sottolineare l’impegno e la filosofia che contraddistinguono tutti i prodotti ARYA. Il restante 3% degli ingredienti assicura la stabilità e la buona conservazione delle formule.

arya zampotta

Approvati da EcoBioControl

Gli ingredienti che compongono gli shampoo hanno ottenuto l’autorevole approvazione del Comitato Scientifico di EcoBioControl, ente il cui fine è promuovere la diffusione di materie prime di origine vegetale da fonte rinnovabile e di componenti provenienti da agricoltura biologica nei settori della detergenza e della cosmesi, sia umana che animale.

Tutte le formulazioni sono state verificate mediante controlli ispettivi delle linee produttive, al fine di accertare la corrispondenza tra quanto dichiarato e la realtà produttiva stessa, e sono risultate tutte conformi all’EcoBioDizionario dell’ente, ottenendone così l’approvazione. Un riconoscimento importante questo, che si traduce in una garanzia di sicurezza e qualità per il consumatore.

arya zampotta

Made in Italy

Tutti gli shampoo ARYA sono realizzati interamente in Italia, nel rispetto dei più elevati standard produttivi. Grazie a un’attività di Ricerca & Sviluppo all’avanguardia sono state elaborate formule con la più alta percentuale di ingredienti naturali presenti nel settore, garantendo allo stesso tempo la più completa efficacia dei prodotti. I profumi sono gradevoli e allo stesso tempo gentili e delicati, nel rispetto del sensibile olfatto canino. Al fine di garantire la massima trasparenza, l’INCI (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients) di ogni prodotto viene riportato sul retro di ciascuna etichetta. Le formule sono ovviamente prive di parabeni, siliconi, SLS e PEG.

arya zampotta

LAVIOSA CHIMICA MINERARIA SPA
www.laviosa.com

TROVA IL NEGOZIO PIU' VICINO A TE

Straccetti di pollo, filettini di pesce, piselli interi, carote a dadini… Sembra di leggere la lista degli ingredienti di un piatto gourmet servito al ristorante? Si tratta invece degli ingredienti che i cagnolini possono trovare nella loro ciotola di Tiki Dog, ricette a base di carne che si concentrano principalmente sulle proteine per soddisfare le esigenze nutrizionali dei cani di piccola taglia.

È un momento di piacevoli cambiamenti per Agras Pet Foods: dopo il lancio delle referenze con prosciutto e il restyling della linea Schesir Dry di tre anni fa, l’azienda ha deciso di ampliare ancor più l’offerta e di migliorare ulteriormente l’immagine dell’intera gamma del secco per cane e gatto.

Chiunque abbia sofferto di stress e ansia conosce bene gli effetti debilitanti che possono avere sulla salute. Lo stress nei gatti agisce allo stesso modo: non solo può esacerbare eventuali stati di malessere già esistenti, ma può portare a una serie di problemi comportamentali quali il mancato utilizzo della lettiera, un atteggiamento aggressivo o depressione e isolamento.