Generic selectors
Corrispondenza esatta
Cerca nei titoli
Cerca nei contenuti
Cerca nei post
Cerca nelle pagine
testimonial
Filtra per categoria
Cani & gatti
Marketing & Comunicazione
Mercato
Negozio del mese
Notizie
Personaggio
Pesci & co
Piccoli mammiferi
Rettili & anfibi
Senza categoria
Uccelli

Quando diciamo Terrier parliamo di un gruppo di razze di cani che hanno un’origine comune ma caratteristiche fisiche talmente diverse che in alcuni casi risulta difficile pensare possano avere qualcosa in comune. Scopriamoli insieme.

I Terrier, ufficialmente classificati nel terzo gruppo, sono per la maggior parte selezionati per la caccia in tana ed alcuni impiegati, in un passato per fortuna lontano, anche nei combattimenti.
Il termine terrier fa riferimento al terrar, descritto già nel XVI secolo come un cane dall’ottimo fiuto, ideale per la caccia e determinato nello stanare i selvatici dalla tana. La maggior parte dei terrier proviene dal Regno Unito (15 sono inglesi, 4 irlandesi, 5 scozzesi e 2 gallesi), uno è della Repubblica Ceca, uno tedesco, 5 sono extraeuropei (uno americano, uno giapponese, uno brasiliano e due australiani).

Qual è la razza più diffusa del Gruppo 3?
La razza che in Italia occupa il primo posto per iscrizioni ai Libri Genealogici in questo gruppo è il jack russell, seguito dall’american staffordshire terrier e dallo staffordshire bull terrier.

Per tradizione gli espositori di tutto il mondo sono soliti raccogliere il ciuffo di peli sulla testa dello yorkshire con un fiocco rigorosamente rosso, così come rossi sono il velluto del panchetto su cui viene giudicato e il guinzaglio. Anche allo yorkie di casa si possono tenere in ordine i ciuffetti sulla testa con fermagli, mollettine o fiocchetti con elastico o molletta tipo fermaglio, disponibili in tanti colori, con strass e pietre colorate, accessori non solo sfiziosi, ma anche molto pratici.

Il west highland white terrier deve il nome alle Highlands, regione settentrionale della Scozia, e al colore bianco che in realtà, nel XIX secolo, non era per nulla apprezzato perché si riteneva portatore di sfortuna. Un manto bianco è uno dei più difficili da mantenere pulito, considerando anche la taglia del westie che arriva all’altezza dei tubi di scarico! Sconsigliate l’impiego di sbiancanti (es. acqua ossigenata) e suggerite l’uso di shampoo per manti bianchi, che non solo ridonano il candore originario ma eliminano anche antiestetiche sfumature giallo-rossastre.

Il bull terrier può essere sia bianco sia colorato, soprattutto tigrato; di questa razza esiste anche la varietà miniature la cui altezza al garrese non deve superare i 35,5 cm. Spesso i bull presentano malattie cutanee e arrossamenti in associazione ad allergie di varia natura, a volte stagionali. Per la sua dieta consigliate crocchette ipoallergeniche preferibilmente monoproteiche.

Per quanto piccolo di statura, lo staffordshire terrier arriva a pesare 16-17 chili ed è un concentrato di potenza muscolare! Anche se belli a vedersi, per un piccolo molossoide come lo staffy ai classici collari di cuoio con borchie sarebbero da preferire pettorine realizzate in materiali resistenti come il nylon rinforzato.

Lo scottish terrier è senza dubbio conosciuto nella versione con mantello nero, ma può avere altri due colori: brindle (tigrato) e wheaten (grano). Un pelo duro come quello dello scottish deve essere periodicamente sottoposto a stripping, cioè l’eliminazione del pelo morto per favorire la crescita di quello nuovo. Con un po’ di pazienza e facendo pratica è possibile fare lo stripping anche allo scottie di casa, sono disponibili ad esempio coltellini dalle dentature diverse anche per un uso non professionale.

Creato dal reverendo John Russell, il jack russell ha un’altezza ideale da 25 cm a 30 cm e a ogni 5 cm dovrebbe corrispondere un chilo di peso. Come capita a molti cani di piccola taglia, il jack produce molta placca che a lungo andare potrebbe trasformarsi in tartaro. Giochini o biscotti sono l’ideale per mantenere una buona igiene orale, ad esempio un bell’osso in nylon è perfetto sia per giocare che per pulire i denti, eliminando la placca e prevenendo il tartaro.

Il kerry blue terrier deve il nome all’omonima contea ed è caratterizzato da un insolito colore blu che può avere ogni sfumatura e da un pelo morbido, abbondante e ondulato. Ideale per un tipo di pelo come quello del kerry blue un trattamento volumizzante che dona al manto un aspetto gonfio e corposo senza però appesantirlo.

Considerato essenzialmente un terrier da lavoro, il border terrier ha avuto il suo momento di celebrità grazie al film “Tutti pazzi per Mary”. Rustico e sportivo, è tuttora un eccellente cane da tana. Se l’istinto naturale del border è quello di scavare, è inevitabile una bella pulizia delle zampe al ritorno dalla passeggiata! Consigliato un pulitore per zampe in silicone, disponibile in diverse dimensioni, ottimo per togliere fango o sporcizia. Basta aggiungere un po’ d’acqua, mettere la zampa del cane nella tazza e muovere la zampa avanti e indietro delicatamente, infine asciugare.

Norfolk e Norwich terrier sono due piccoli terrier identici che hanno di diverso solo il portamento delle orecchie, piegate nel Norfolk ed erette nel Norwich. Il Norfolk è un cane particolarmente ingordo e ha quindi una leggera tendenza all’obesità. Per un cane vorace potrebbe essere utile la ciotola anti-ingozzamento che, anziché essere all’interno vuota e liscia, presenta degli elementi fissi atti a impedire l’ingerimento troppo veloce del cibo, a tutto vantaggio di una migliore digestione.

Abbastanza simili nell’aspetto, pitbull terrier e american staffordshire non lo sono però per la cinofilia ufficiale, dal momento che solo l’amstaff è riconosciuto dalla Federazione Cinologica Internazionale, il pitbull lo è solo da alcune associazioni d’Oltreoceano. Sono entrambi cani atletici e muscolosi con una potenza di morso non indifferente. Per cani con un morso così sono ideali palline o Kong realizzati in caucciù robusto e molto resistente con un’alta resistenza alle perforazioni, anche da parte dei denti più forti.

Articolo di Lorena Quarta

Write A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.