Generic selectors
Corrispondenza esatta
Cerca nei titoli
Cerca nei contenuti
Cerca nei post
Cerca nelle pagine
testimonial
Filtra per categoria
Cani & gatti
Marketing & Comunicazione
Mercato
Negozio del mese
Notizie
Personaggio
Pesci & co
Piccoli mammiferi
Rettili & anfibi
Uccelli
Category

Notizie

Category

Rivoluzione animale in Lombardia. Dal 2017, cani e gatti potranno entrare negli ospedali e nelle case di riposo della regione per far visita ai loro padroni bisognosi di affetto e di coccole. La giunta guidata da Maroni ha approvato, infatti, un regolamento, atteso da sette anni, che stabilisce norme d’assoluta modernità per la tutela degli animali d’affezione e la prevenzione del randagismo.

Ogni anno in Italia vengono abbandonati 130.000 pet: 80.000 gatti e 50.000 cani, che si aggiungono al numero di randagi, che ad oggi è pari a 90.000 animali. Il 30% degli abbandoni avviene in estate. Sono circa 25.000 i cani e i gatti abbandonati che vengono ospitati nei rifugi Enpa di tutta Italia, dove viene provveduto al loro sostentamento, a partire da una sana alimentazione, aspetto fondamentale per garantire loro un futuro.

Gli ottimi risultati economici e le crescenti quote di mercato che Farmina ha acquisito,negli ultimi anni, in più di 60 paesi del mondo hanno spinto la Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo (EBRD) ad investire nel progetto di espansione produttiva proposto da Farmina.
L’azienda nel 2017 ha infatti messo a bilancio un investimento di circa 14,5 milioni di € (di cui la metà finanziati dalla EBRD) per il potenziamento della produzione del secco e la costruzione – ex-novo – dello stabilimento per la produzione di prodotti umidi, un segmento nuovo e molto promettente per Farmina che, dunque, nel 2017 rilancerà l’attività avendo al suo fianco un partner importante.
Questa nuova cooperazione con la EBRD è molto importante per la nostra azienda. Siamo felici di avere un partner così forte a conferma della solidità del progetto Farmina. Vediamo nella partnership con la banca EBRD una pietra miliare per l’espansione delle nostre attività. (Dott. Gabriele Vecchi – Group CFO Farmina Pet Foods).
In particolare negli ultimi anni abbiamo svolto un lavoro davvero importante nel potenziamento dell’organigramma aziendale e nello sviluppo commerciale dei brand entrando in molti nuovi mercati e aumentando notevolmente la penetrazione in quelli esistenti. Oggi, grazie alla crescita dei fatturati, acquisisce priorità il tema industriale, che risulta necessario sviluppare per assecondare la crescita del business in modo adeguato. Siamo molto felici che in questo importante passaggio EBRD sia al nostro fianco. Consideriamo questa partnership come un autorevole riconoscimento del lavoro svolto e concreta testimonianza della solidità del progetto di sviluppo Farmina. [Dott. Angelo Russo – CEO Farmina Pet Foods]

È partita la terza edizione dell’iniziativa benefica Dai una Zampa! a sostegno del Servizio Cani Guida dei Lions e Ausili per la Mobilità dei Non
Vedenti Onlus di Limbiate (MB), la più grande realtà fra le associazioni ONLUS in Italia dedicate all’addestramento e affidamento di cani per non vedenti, nonché una delle più importanti in Europa. Fino al 31 dicembre 2016 in tutti i punti vendita Maxi Zoo sarà possibile acquistare al costo simbolico di 1€ il doppio
adesivo Dai una Zampa! e il ricavato delle vendite sarà interamente devoluto. Come da tradizione, il primo adesivo verrà affisso nel punto vendita Maxi Zoo con
il nome del pet e del proprietario che lo hanno acquistato, il secondo rimarrà al proprietario a significare il supporto che – insieme al proprio pet – ha voluto dare. Ad oggi il Servizio Cani Guida dei Lions ha addestrato e consegnato gratuitamente 2.064 cani guida ad altrettante persone non vedenti su tutto il territorio
nazionale, donando due occhi (e quattro zampe) a chi non vede e fornendo un valido e costante aiuto verso la loro indipendenza. Sono oltre 500 i cani guida attualmente in servizio in tutta Italia, con alcune presenze anche all’estero.

Info: www.maxizoo.it

Dogalize, il primo “pet social network” 100% made in Italy, ha stretto una partnership con il colosso delle assicurazioni Groupama per studiare insieme una polizza assicurativa che protegga i proprietari dei cani da eventuali danni arrecati a terzi. È l’ultimo dei tanti progetti che Dogalize ha messo a punto per aiutare gli amanti degli animali a vivere al meglio il loro rapporto con gli amici a quattro zampe. Quello dei danni che il proprio animale può arrecare agli altri è uno dei principali motivi di preoccupazione di chi possiede un cane. Il piano assicurativo è diviso in tre categorie a seconda del premio e del massimale desiderato. Per per ogni pacchetto sottoscritto, verrà donato un pasto caldo a un cane ospite di un canile, o di una associazione, partner di Dogalize. Un gesto forte per rendere migliore la vita dei tanti pelosi meno fortunati.
Info: www.dogalize.com, info@dogalize.it

La nota azienda tedesca H. von Gimborn GmbH è stata acquisita nel mese di ottobre dalla Hillhouse Capital Group, finanziaria cinese, con cessione retroattiva dal 1° Gennaio 2016. “Siamo lieti” ha dichiarato Zhang Lei, CEO della Hillhouse Capital Group “di avere intrapreso con Gimborn questa collaborazione per portare la grande qualità dei suoi snack funzionali premium per cani e gatti ai proprietari di piccoli animali in Asia”. Gimborn, da oltre 50 anni presente con successo nel settore pet, è stata la prima azienda tedesca a ottenere nel 2015 dalle autorità una licenza ufficiale per introdurre in Cina gli snack per animali domestici come, per esempio, le paste funzionali per gatti.
Ora potrà espandere ulteriormente la sua presenza sui mercati asiatici grazie alla nuova proprietà.
Info: tel. +49/2822964430, m.piecha@gimborn.de

Il colosso Karlie Flamingo Belgium è stato dichiarato fallito dalla corte di Turnhout l’8 novembre 2016. Il gruppo industriale internazionale aveva 170 dipendenti in Belgio, Francia e Paesi Bassi. La capogruppo, Flamingo Holding Belgium B.V.B.A. è stata dichiarata fallita un mese fa. La holding rappresentava una notevole risorsa per la Karlie Group GmbH, ma ancora si ignorano le eventuali ripercussioni negative sulla situazione finanziaria della Karlie Group GmbH. Secondo il giornale belga Gazet van Antwerpen, l’investitore Belga Wim Heylen, proprietario del Groep Heylen, ha tentato di acquisirla senza successo. Secondo Heylen non vi sono certezze circa un possibile rilancio. “Il destino dei dipendenti ora si trova nelle mani del curatore fallimentare,” dice Wim Heylen.

Info: www.karlie.de