Generic selectors
Corrispondenza esatta
Cerca nei titoli
Cerca nei contenuti
testimonial
Filtra per categoria
Cani & gatti
Marketing & Comunicazione
Mercato
Negozio del mese
Notizie
Personaggio
Pesci & co
Piccoli mammiferi
Rettili & anfibi
Senza categoria
Uccelli

Il cacatua di Leadbeater, in omaggio al naturalista inglese Benjamin Leadbeater, è anche noto come cacatua del Maggiore Mitchell, nome dell’esploratore che per primo lo osservò durante una spedizione nelle zone semi-desertiche dell’interno dell’Australia. Si tratta di un cacatua immediatamente riconoscibile per il poderoso ciuffo erettile roseo alla base che presenta quattro bande orizzontali che si susseguono: rossa, gialla, rossa e nuovamente rosa.

Inconfondibile cacatua dal mantello rosato, con taglia attorno ai 35-38 cm e peso tra i 360 e i 480 g, il suo piumaggio base è di un pastoso color bianco-rosa sfumato, con molto rosa sul collo, capo e petto.

Il ciuffo erettile è ampio, ricco, appariscente e coloratissimo, come si nota al meglio quando eretto. All’attaccatura del capo ci sono le penne che coprono parte del ciuffo quando non è eretto che sono di un bel rosa intenso: in mezzo a queste si trovano le penne del ciuffo vero e proprio, lunghe e coloratissime. Il becco è chiaro, le zampe grigio-rosate. Gli occhi sono cerchiati da un anello di pelle chiara e hanno iride nerastra nel maschio adulto, arancio nella femmina adulta e bruna nei soggetti immaturi.

Presenta un certo dimorfismo sessuale: infatti, oltre alla differenza di colore dell’iride, la banda colorata del ciuffo della femmina è più ampia di quella del maschio e sale di più verso la parte terminale del ciuffo. Inoltre la banda gialla, tra le due bande rosse, nella femmina è nettamente più decisa e vistosa che nel maschio.

Secondo alcuni autori è specie monotipia, altri ne classificano due sottospecie:

  • L o C. l. leadbeateri (Vigors, 1831), specie di riferimento, è diffusa nella zona centrale e orientale dell’Australia;
  • o C. l. mollis (Vigors, 1831), che abita le zone più occidentali dell’areale distributivo, si caratterizza con una differenza abbastanza evidente rispetto alla specie di riferimento; il ciuffo ha il rosso della banda centrale più acceso e la zona gialla della stessa molto chiara e ridotta di dimensione nelle femmine e quasi assente nei maschi.

Classificazione scientifica

  • Classe                               Aves
  • Ordine                              Psittaciformes
  • Famiglia                            Cacatuidae
  • Sottofamiglia                    Cacatuinae
  • Genere                             Lophochroa (Cacatua)
  • Specie                              L. leadbeateri (C. leadbeateri)

Aree di diffusione naturale

Il cacatua di Leadbeater abita tutte le zone di pianura con savane, boscaglie di acacia o foreste a galleria non fitte di tutti i territori interni dell’Australia. Le attività agricole e soprattutto quelle dell’allevamento ovino e bovino, con la costruzione di pozzi e abbeveratoi, ne hanno sostenuto la crescita numerica per parecchi anni. Poi l’eccessiva presenza umana dei suoi habitat, l’abbattimento degli alberi siti di nidificazione e il disturbo portato dalle nostre attività hanno cominciato a incidere negativamente ed è iniziata la diminuzione numerica delle popolazioni. È ancora un cacatua abbastanza comune in molte zone del suo areale distributivo originario e non ancora in pericolo di estinzione, ma in alcuni ambienti, è passato da comune a piuttosto raro e quindi possiamo considerarlo come localmente comune o localmente in declino a seconda della zona di diffusione presa in esame. È incluso in allegato B CITES.

Diffusione in ambiente controllato

Questo cacatua è una specie molto amata e piuttosto diffusa nonostante abbia costi impegnativi. Il costo di una coppia riproduttiva è molto superiore al triplo o al quadruplo del costo di un soggetto singolo: questo perché le coppie affiatate e riproduttive non sono facili da costruire, a volte è necessario cambiare più partner a un maschio o a una femmina per trovare quello giusto. Molto importante anche porre attenzione ai segnali di aggressività di alcuni maschi che potrebbero arrivare persino all’uccisione della femmina.

Nel periodo riproduttivo, quando il maschio è pronto all’accoppiamento, tende a essere geloso della compagna e se questa non lo asseconda può cominciare a dare segni di insofferenza che sfociano in vere e proprie aggressioni.

Se si nota che il maschio insegue spesso la femmina, la becca sul capo e tenta di aggredirla quando questa si avvicina al nido, è fondamentale separare la coppia e valutare se valga la pena riunirli, lasciando la femmina per un po’ in una voliera e poi trasferendovi il maschio, in modo che questi si senta ospite e non padrone di casa, oppure se cercare nuovi partner per entrambi i soggetti.

Alimentazione in ambiente controllato

Come tutti i cacatua l’ideale è una dieta varia che abbia come base una miscela di sementi secche e un buon estruso o pellettato. La miscela di sementi indicativamente potrebbe essere composta di scagliola (35%), miglio bianco (20%), grano saraceno (10%), girasole striato piccolo (10%), canapa (5%), girasole bianco (5%), avena decorticata (5%), cartamo (5%), bacche di ginepro (1%), peperoncino piccante (1%), pinoli (1%), noci gheriglio (1%), bacche di rosa canina essiccate (1%). L’estruso o pellettato deve avere una formulazione specifica per cacatua, con un apporto proteico tra il 14% e il 16%, una quantità di grassi non superiore al 6% e deve essere integrato con vitamine e sali minerali.

Indispensabile poi fornire quotidianamente una porzione di frutta e verdura fresche; sempre ottime mele, pere, uva, ciliegie, banana, anguria (di cui rosicchiano volentieri anche la buccia), ananas, agrumi (in particolare mandarini e mandaranci, ma anche arance vaniglia), melegrane aperte (che permettono il gioco di estrarre i singoli chicchi).

Tra le verdure questa specie adora il finocchio, le insalate verdi dure (catalogna, cicoria) e le erbe prative come il tarassaco. Ottimi anche zucchini, sedano, cetrioli, carote e baccelli di piselli freschi che vengono letteralmente divorati.

Una vera leccornia per i cacatua, ma anche un ottimo alimento, sono le pannocchie di mais con il chicco ancora lattiginoso e le spighe di sementi fresche (panico, miglio, sorgo). Anche i girasoli con i semi ancora morbidi (quando i petali cominciano ad appassire) sono un buon alimento e un divertente gioco…

L’importanza dei giochi

Tutti i cacatua amano molto giocare. In genere rosicchiare è una delle attività preferite: va dunque benissimo mettere a loro disposizione dei rametti di legno fresco, sia in gabbia sia in voliera, con cui si divertiranno e contemporaneamente gli forniranno ottimo materiale da portare nel nido (in caso di coppie in riproduzione).

Non si deve dimenticare che i cacatua sono molto curiosi e tendono a saggiare la resistenza di ogni cosa che gli arrivi a portata di becco e a spostare ogni oggetto che preso con la zampa – o ancora con il becco – sia sollevabile: sono più forti di quanto si potrebbe pensare! Per questo è bene non inserire negli alloggi giochi di materiale facile da sbriciolare o dannoso per la salute se ingerito. Si sceglieranno solo giochi in legno e corda oppure in acciaio.

Si possono considerare giochi anche alcuni alimenti integrativi: per esempio l’osso di seppia, da appendere con un filo di acciaio alla rete della voliera o alle sbarre della gabbia, oppure i ciuffi di erbe prative (tarassaco e centocchio bianco) o pezzetti di pane secco, biscotti o brioche infilati nelle rastrelliere, che, gli uccelli, si divertono a rosicchiare indipendentemente dal bisogno di cibo.

Alcune aziende oggi producono particolari stick e snack, di buona qualità come alimenti, che si prestano ad essere considerati sia un cibo integrativo sia un gioco; gli stick perché hanno l’anima di legno che li sorregge e che i pappagalli, una volta consumato il cibo, rosicchiano tenendo il bastoncino saldamente con una zampa; gli snack, perché hanno forme e colori particolari che attirano il pennuto. Il cacatua di Leadbeater ama anche giocare con i sassi che solleva con il becco e sposta o lascia cadere mentre allegro alza e abbassa il suo maestoso ciuffo.

Qualche curiosità…

Questa specie è estremamente rumorosa: emettono grida molto forti e ripetute che fanno parte del loro normale comportamento e che quindi difficilmente possono essere limitate. Sono soliti accompagnare ogni loro movimento con emissione di gridolini, fischi, schiamazzi e ogni sorta di rumore molesto che ascoltano e imparano a ripetere con grande facilità.

Come tutti i cacatua, anche i pappagalli di questa specie se si fa loro ascoltare ogni tipo di musica hanno la tendenza a cominciare a muoversi al ritmo della musica stessa fino a sembrare veramente dei ballerini che non perdono mai il tempo: sollevamenti delle zampe sul posatoio; ondulazioni del collo; sollevamento e abbassamento ritmato del ciuffo erettile; allargamento a ventaglio e restringimento della coda.

Write A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.