Generic selectors
Corrispondenza esatta
Cerca nei titoli
Cerca nei contenuti
Cerca nei post
Cerca nelle pagine
testimonial
Filtra per categoria
Cani & gatti
Marketing & Comunicazione
Mercato
Negozio del mese
Notizie
Personaggio
Pesci & co
Piccoli mammiferi
Rettili & anfibi
Senza categoria
Uccelli

Il 17 marzo 2020 si è tenuto in diretta streaming un Question Time  nel corso del quale 3 eminenti virologi veterinari hanno risposto alle numerose domande che i Medici Veterinari di tutta Italia hanno fatto pervenire alla redazione. Il tema della discussione ha riguardato l’attuale emergenza sanitaria da coronavirus analizzando lo stato dell’arte e le implicazioni in ambito veterinario.

Il Question Time organizzato da EV – Eventi Veterinari – con il supporto di MSD Animal Health.
Relatori dell’incontro 3 virologi veterinari: i professori Canio Buonavoglia e Nicola Decaro, docenti di Malattie Infettive degli animali all’Università di Bari, il professore Sergio Rosati,  docente di Malattie Infettive degli animali all’Università di Torino e il dott Paolo Sani, Amministratore Delegato di MSD-Animal Health. Il talk è stato moderato da Enrico Febbo, Direttore editoriale di E.V.

L’iniziativa, rivolta ai Medici Veterinari e agli studenti di Veterinaria e fruibile attraverso il collegamento alla piattaforma SCIVAC, ha ottenuto un grande riscontro (con oltre 2600 utenti collegati alla diretta) un successo che conferma l’elevato interesse della categoria dei Medici Veterinari su un tema di attualità così importante. Per questo motivo MSD Animal Health ha voluto schierarsi in “prima linea” per favorire una corretta ed esaustiva informazione finalizzata a supportare la professionalità del Medico Veterinario. Proprio all’insegna di questi obiettivi, l’evento rientra tra le attività messe in atto dalla campagna #AlTuoFianco, lanciata da MSD Animal Health per rimarcare la costante vicinanza dell’azienda ai Medici Veterinari anche in questo periodo di crisi.

Quali, quindi, i principali punti emersi dalla discussione?
Dalla nascita del virus alla questione, tanto dibattuta in queste settimane, se gli animali possano trasmettere e contrarre il virus, dai comportamenti da seguire nel caso in cui un pet owner contragga il virus, alle buone norme da adottare in ambulatorio.

Ecco le risposte a molte delle domande che tutti si stanno ponendo in queste settimane!

  • Non ci sono evidenze sul fatto che gli animali domestici possano trasmettere il virus;
  • Cani e gatti non rappresentano quindi un pericolo di trasmissione, ma si consiglia comunque di lavarsi sempre le mani dopo ogni contatto con gli animali da compagnia, come buona norma igienica.
  • Nel caso in cui un pet owner risulti positivo al nuovo coronavirus (Sars Cov-2) si consiglia di affidare la gestione dell’animale a un’altra persona. Questo per un semplice principio di cautela e per evitare di contaminare gli oggetti o gli stessi alimenti per animali.
  • Gli alimenti di origine animale non trasmettono il virus. È tuttavia vero che il virus ha una certa persistenza e resistenza sulle superfici ed è quindi in grado di sopravvivere sulle cose inanimate. Anche per questo è consigliato lavarsi frequentemente le mani, usare mascherine e guanti protettivi per ridurre il rischio di contagio attraverso la manipolazione di cose e oggetti contaminati
  • Le principali norme che i Medici Veterinari dovrebbero seguire per evitare il contagio e continuare a svolgere la propria mansione in sicurezza sono: limitare l’attività professionale alle situazioni di emergenza e improcrastinabilità rinviando vaccinazioni, visite di routine , diagnostica e chirurgia non urgenti; indossare dispositivi di protezione (per proteggersi principalmente da possibili proprietari asintomatici); mantenere la distanza di sicurezza dai proprietari; organizzare le visite urgenti in ambulatorio evitando la presenza di più persone in sala d’aspetto; provvedere a una accurata disinfezione l’ambulatorio con opportune soluzioni su base alcoolica efficaci verso il coronavirus.
  • Ma da dove è arrivato questo virus? Si riconduce la nascita del nuovo coronavirus (Sars Cov-2) al pipistrello, animale, che, per sua natura, ha da sempre ospitato tantissimi virus in uno stato di co-evoluzione, per cui ospite e parassita riescono a convivere. Il salto di specie sarebbe arrivato tramite i wet market, tipici dei Paesi asiatici, dove si registra un alto consumo di animali selvatici spesso non conservati in modo idoneo. Dal pipistrello, il virus sarebbe quindi passato a un altro animale ed entrato in contatto con operatori e consumatori dei wet market. L’ipotesi rimane comunque da confermare dalla comunità scientifica.

Cani, gatti e tutti gli animali domestici non rappresentano quindi un pericolo e non sussitono prove in merito alla trasmissione del virus uomo-animale e viceversa.

“I pet sono le vittime e non il pericolo, la capacità che il virus ha sviluppato è di diffondersi nell’uomo e non negli animali domestici” ha affermato il professor Rosati.

Seppur si sia registrato il caso di un cane positivo al virus ad Hong Kong, questo non deve preoccuparci:
“Si tratta infatti dell’unico caso registrato, è da sottolineare che la sierologia per la ricerca di anticorpi è risultata negativa. Questo significa che il virus ha avuto una replicazione talmente bassa da non interessare il sistema immunitario e che il cane non ha quindi sviluppato nessun potere di trasmissione” ha commentato il professor Buonavoglia.

“Il problema principale rimane la trasmissione interumana. Sebbene il virus abbia una certa resistenza sulle superfici, è al contagio tra persone che bisogna prestare maggiore attenzione” ha concluso il professor Decaro.

In questo momento di difficoltà abbiamo deciso di affiancare EV nella realizzazione di questo evento perché per noi supportare i Medici Veterinari e promuovere la corretta informazione rimangono sempre gli obiettivi principali. Colgo l’occasione – ha proseguito Sani – per ringraziare particolarmente la categoria degli allevatori e dei veterinari da allevamento che, con il loro lavoro, garantiscono la sussitenza alimentare di tutti noi ma anche tutti i veterinari degli animali da compagnia per l’importante ruolo sociale e sanitario che continuano a ricoprire anche in emergenza sanitaria. Ecco perchè sono orgoglioso di lanciare ufficialmente la campagna #AlTuoFianco che ribadisce la nostra vicinanza a tutti i Medici Veterinari e che si rinforza oggi con questa iniziativa e con le future attività, come i webinar di aggiornamento e formazione che abbiamo organizzato per le prossime settimane e i prossimi mesi, per continuare a essere sempre al loro fianco” ha dichiarato Paolo Sani, Amministratore Delegato di MSD Animal Health, a conclusione della diretta.

Il Question Time supportato da MSD Animal Health rappresenta una risposta concreta per contrastare le fake news che dilagano sempre più anche in questo periodo di crisi, creando panico e disinformazione che potrebbero causare, nei casi più estremi, l’abbandono degli animali, pratica che da sempre MSD Animal Health combatte fermamente, anche con campagne ed attività ad hoc.

MSD ANIMAL HEALTH
www.msd-animal-health.it

Write A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.