Generic selectors
Corrispondenza esatta
Cerca nei titoli
Cerca nei contenuti
Cerca nei post
Cerca nelle pagine
testimonial
Filtra per categoria
Cani & gatti
Marketing & Comunicazione
Mercato
Negozio del mese
Notizie
Personaggio
Pesci & co
Piccoli mammiferi
Rettili & anfibi
Senza categoria
Uccelli

Chi adotta un cane deve sempre tenere presente che si tratta di un animale che ha bisogno di regole da seguire, elementi necessari per l’armonia del branco e della vita di gruppo, al rispetto delle quali è predisposto per sua natura sociale.

I cani sviluppano legami affettivi sia con i conspecifici che con i proprietari, pertanto quando entrano in una famiglia ne diventano veri e propri membri, tessere di un complesso puzzle di convivenza. Il ruolo dell’uomo come punto di riferimento è fondamentale: il proprietario dovrà trasmettere al suo amico a quattro zampe dei segnali chiari, comprensibili e coerenti.

Stabilire delle regole non vuol dire imporre delle privazioni o mantenere un atteggiamento troppo rigido, significa solo trasmettere input semplici e coerenti su ciò che è consentito fare e cosa non lo è. Ad esempio, non è consentito abbaiare per ottenere attenzione o un giocattolo e non è consentito saltare addosso se il proprietario non concede l’attenzione richiesta. Non è utile punire fisicamente un cane quando mette in atto comportamenti sgraditi e inaccettabili: è assodato che le punizioni, come noi umani le concepiamo istintivamente ed emotivamente, sono controproducenti nell’educazione dell’animale e nel rapporto con il proprio umano. Al contrario, se il pet “si comporta male” è molto più efficace ignorarlo e proporre un comportamento alternativo, distogliendo la sua attenzione da quello che stava facendo e riportandolo a uno stato di calma: il classico “seduto” ne è un esempio, un comando immediato e semplice da eseguire.

Le risorse, come il cibo o i giochi, sono fondamentali nell’educazione del cane e nell’apprendimento delle regole sociali. La loro difesa può avvenire attraverso una minaccia, un ringhio, un abbaio o un comportamento assertivo e può sfociare in un’aggressione. Dovranno dunque essere sempre gestite dal proprietario, che dovrà fondare la relazione sul rispetto, tenendo presente le esigenze dell’animale e non dimenticando mai che il linguaggio del cane è diverso dal nostro.

Articolo di Papeschi Cristiano e Sartini Linda

Write A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.